L’esperienza, abbinata alle idee e alle conoscenze, è un elemento chiave per il successo di  un’attività.

I cicli di vita delle attività economiche si sono ridotti. Non c’è più tempo di lanciare progetti pilota. Come possiamo gestire il rischio d’impresa?

E’ possibile coprire con polizze assicurative specifici rischi associati alle attività economiche, ma non è possibile coprire il rischio associato al mancato successo di una nuova iniziativa. Se il danno associato a tale insuccesso è in grado di pregiudicare la solidità finanziaria della nostra compagine, è opportuno rinunciare alla nuova iniziativa o condividerla con altri promotori, a meno che il rischio (misurabile con sofisticate metodologie) non sia inferiore ad una soglia predeterminata di accettabilità.

Per questo è opportuno sviluppare un portafoglio di opportunità e opzioni e vagliarle con attenzione, così da potere sempre essere in grado di procedere sulla base di una strategia adattiva, laddove prescelta.

Procedere con una valida opzione è sempre vantaggioso per l’organizzazione, anche perché quando si agisce cresce il coraggio, laddove quando si rimanda cresce la paura.

Ad una insufficiente esperienza si può alle volte sopperire mediante l’uso di sistemi esperti, che consentono di analizzare situazioni nuove e complesse sfruttando e combinando fra loro esperienze e conoscenze riguardanti specifici elementi del progetto.

Strategia adattiva

La strategia adattiva si basa sull’idea di conseguire un vantaggio temporaneo e seriale. In mercati non prevedibili e non malleabili, l'attenzione è sulla continua sperimentazione e aggiustamento piuttosto che sull’analisi e pianificazione a lungo termine. Poiché il vantaggio è temporaneo, ci si focalizza sui mezzi e non sulle finalità.

Strategia visionaria

Una strategia visionaria, tipica delle start-up, consente ad un’azienda di creare un’industria caratterizzata da una certa prevedibilità, scorgendo e perseguendo d'acchito un’opportunità. Essere primi conferisce il vantaggio di una maggiore dimensione che deriva dall’essere davanti ai concorrenti, consentendo di definire gli standard e influenzare le preferenze dei clienti.